“Fiat odia l’Italia” – azione di CasaPound Italia sul TG Toscano

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

‘Fiat odia l’Italia’, CasaPound Italia Lucca ‘sequestra’ concessionaria di viale Luporini Lucca, 2 febbraio – ‘Sigilli’ alla Fiat. Stamattina la concessionar…
Video Rating: 4 / 5

9 comments on ““Fiat odia l’Italia” – azione di CasaPound Italia sul TG Toscano

  1. Paolo Marinelli

    vi ringrazio per questa azione e per quel che e’ stato detto. sacrosante
    parole dettate dalla ragione e dal bene comune. bravi

  2. eccolo75

    questo ragazzo ha tt il mio rispetto… pero’ vorrei solo dirgli che
    Nazionalizzare la Fiat è IMPOSSIBILE, non foss’alto che prende soldi dallo
    Stato come se fosse un’azienda statale percio’ E’ GIA’ NAZIONALIZZATA …
    Ovviamente scherzo ma conosco bene il modus operandi di sti cialtroni della
    Fiat che non vengono MAI messi di fronte alle loro misfatte… vedi
    Marchionne, Montezuma & C… Ciao Alessandro

  3. TheBlackFrog79

    @eccolo75 Alla FIAT quando c’è da dare chiedono aiuto allo stato. Quando
    c’è da prendere, si tengono tutto.

  4. Renzo Colameo

    Bravi ragazzi. Finalmente qualche azione. La maggior parte della gente,
    pensa solo a lamentarsi; e le cose vanno sempre peggio. U’azione al giorno;
    toglie il malgoverno di turno. * * * * * Renzo * Irlanda

  5. 1NaziShark4

    Complimenti alla Fiat,per la loro pubblicità,sul Dobl*,la camionetta di sti
    caz**,che poi la pubblicità è solo il minimo,ma complimenti,per l odio che
    provate per noi,se non avete visto sta pubblicità guardatela,ma tenetevi la
    fronte,non è bello vedere delle donne svedesi incinte di 4 pitecantropi sub
    sahariani.Altro che sigilli…..all obitorio li devono mettere i sigilli

  6. Nacht88Roma

    @eccolo75 Non è nazionalizzata, nemmeno per scherzo. I soldi che la Fiat
    prende dallo stato vengono usati per salvare i dirigenti, mentre le perdite
    vengono pagate dai lavoratori, messi in cassa integrazione, o addirittura
    licenziati per aprire fabbriche all’estero.

Comments are closed.