4° conto energia-“NON PIU’ ATTIVO”- 3kWp Primo Semestre 2012 – RENDIMENTO impianto fotovoltaico

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

ARCHIVIO – 4° conto energia-NON più attivo- SuleAcquaIentu: campagna associativa 100kWp entro marzo. RENDIMENTO di un impianto Fotovoltaico realizzato su las…
Video Rating: 5 / 5

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

PANNELLI SOLARI ULTRALEGGERI, IL FUTURO DEL SOLARE

Sono in arrivo dei pannelli solari ultraleggeri che sono destinati a rivoluzionare il settore. Dopo la scelta voluta fortemente dagli italiani di abbandonare…
Video Rating: 3 / 5

7 comments on “4° conto energia-“NON PIU’ ATTIVO”- 3kWp Primo Semestre 2012 – RENDIMENTO impianto fotovoltaico

  1. jack4kill

    il problema di questi pannelli è che dopo 30 anni sono inutilizzabili e lo
    smaltimento del cadmio-tellurio è troppo costoso… buttare il
    cadmio-tellurio in discarica è impensabile poiche è tossico….. questo
    video dice solo stronzate 🙂

  2. volarepiemonte

    scusami ma se siamo in grado di smaltire e riutilizzare l’uranio
    impoverito, perché non dovremo riuscirci con il cadmio tellurio?

  3. frangiafolle

    @chepossofare si l’ho visto anch’io, con la buona volontà, ricerca e
    investimenti si possono raggiungere buoni risultati. Con 50 mq di pannelli
    fotovoltaici si producono , di giorno, circa 7 kw all’ora!

  4. orsobyanco

    @jack4kill (cont.) non solo i moduli fotovoltaici al CdTe porterebbero sul
    mercato ancora meno Cadmio di quanto non lo facciano le batterie, ma anzi,
    alla fine si avrebbe una consistente diminuzione del rilascio di Cadmio
    nell’ambiente. Magari se ti informavi facevi più bella figura, cioè
    rimanevi in silenzio e non dicevi….stronzate!

  5. orsobyanco

    @jack4kill L’utilizzo di moduli al CdTe ridurrebbe in effetti la quantità
    di Cadmio rilasciata nell’ambiente. Si consideri anche il fatto che il
    41,3% dell’esposizione umana al Cadmio deriva dall’utilizzo di
    fertilizzanti, il 22% dall’utilizzo dei combustibili fossili, oltre il 16%
    dalla produzione di ferro e acciaio e così via fino ad arrivare a un 2,5%
    legato dall’utilizzo di prodotti del Cadmio quali le batterie NiCd.
    (continua)

  6. Chepossofare - Un canale... simpatico.

    Non so se ne hai già parlato, ma tempo fa vidi un video su un gruppo di
    ricercatori siciliani che hanno realizzato celle solari a (pensa un po’!)
    succo di arancia. Meno efficienti del silicio, ma di un ordine di grandezza
    più economiche e con ampi margini di miglioramento. A dimostrazione che la
    ricerca, se ben fatta, porta SEMPRE a grandi risultati! TREMORTI, SVEGLIA!

Comments are closed.